Etichetta

1-2. – LO SPIRITO DEL GIOCO
Il Footgolf è giocato, per la maggior parte, senza la supervisione di un arbitro. Il gioco si affida all’integrità dell’individuo nel dimostrare riguardo verso gli altri giocatori e nel rispettare le Regole.
Tutti i giocatori devono comportarsi in modo disciplinato, dimostrando sempre cortesia e sportività, indipendentemente da quanto competitivi possano essere.
Questo è lo “Spirit of the game” del footgolf: una filosofia di vita che comporta il rispetto, la lealtà, l’onestà e l’autodisciplina.
Nonostante ci siano classifiche e premi per quei giocatori che si distinguono tra i vari partecipanti alle gare, la vera sfida è quella tra il giocatore e il PAR del campo, ovvero il numero prestabilito di colpi necessari a completare il percorso (che solitamente corrisponde a 72 colpi per 18 buche).
Se un giocatore scende sotto il PAR vince, se lo eguaglia pareggia, mentre se conclude la gara con un numero di colpi superiore ad esso vince il campo.
È una gara con se stessi per migliorarsi giorno dopo giorno, per cui chi non rispetta le regole del gioco o le penalità rimediate durante il percorso, prima di tutto inganna solo se stesso!
È, perciò, assolutamente vietato accordarsi per disapplicare o derogare dalle regole, pena la squalifica di tutte le parti coinvolte.

1-3. ETICHETTA
Il Footgolf è una variante del Golf e da questo mondo, oltre che le regole di gioco, prende tutte le regole di comportamento e di etichetta che devono essere consone all’ambiente dove le manifestazioni sportive si svolgono: i Golf Club.

1-4. – DRESS CODE (abbigliamento)
Il footgolfista indossa polo, felpa o pullover, bermuda o gonna o pantaloni lunghi, calzettoni lunghi (da portare al ginocchio e non abbassati), scarpe da calcetto, da ginnastica o da golf (solo con tacchetti non invasivi). Sono facoltativi l’uso di giacche tecniche impermeabili e cappelli.
È assolutamente vietato l’uso di t-shirt, canottiere, divise da calcio, scarpe con tacchetti da calcio da erba e/o sintetico.